Hoppa till innehåll

Guidebook for our Guests

Eleonora

Guidebook for our Guests

Food Scene
Pesce fresco, servizio ottimo, luogo piacevole per una bella serata a Orosei. - Fish recommended restaurant in the nice village of Orosei
Hotel Sortale
3 Via S'Ortale
Pesce fresco, servizio ottimo, luogo piacevole per una bella serata a Orosei. - Fish recommended restaurant in the nice village of Orosei
Farmhouse near our villa, it's a nice place where you can taste the real food of Sardinia
Agriturismo Sos Ozastros
Farmhouse near our villa, it's a nice place where you can taste the real food of Sardinia
You should try their "pasta al cartoccio" (linguine pasta with seafood). It is a highly recommended experience!
Ristorante il Corallo by Arenas Resort Tirreno
3 Viale Lungo Mare
You should try their "pasta al cartoccio" (linguine pasta with seafood). It is a highly recommended experience!
It is a marvelous restaurant and sushi bar in front of the lake with an incredible view. If you go there you can enjoy a spectacular sunset drinking a prosecco and tasting oysters or sushi laying down in comfortable white sofas in the garden.. it's so relaxing! There is also the restaurant but I recommend you to reserve a table..it is quite busy
17
lokalinvånare rekommenderar
Il Moletto Oyster Restourant
17
lokalinvånare rekommenderar
It is a marvelous restaurant and sushi bar in front of the lake with an incredible view. If you go there you can enjoy a spectacular sunset drinking a prosecco and tasting oysters or sushi laying down in comfortable white sofas in the garden.. it's so relaxing! There is also the restaurant but I recommend you to reserve a table..it is quite busy
Delicious sardinian food in a nice location. Professional staff, Gluten free restaurant.
7
lokalinvånare rekommenderar
Hotel Sa Tanca E Bore
7
lokalinvånare rekommenderar
Delicious sardinian food in a nice location. Professional staff, Gluten free restaurant.
Parks & Nature
Le migliori gite in mezzo alla natura che potete fare nella zona. Il mare e la montagna in Sardegna sono un unico paradiso! The best sea tour and mountain tour that you can organize in Sardinia. The sea and the mountains in this land are the same paradise!
The boat tour in the Gulf of Orosei is one of the main experiences you should absolutely do. Look up on the Internet Cala Mariolu beach, Cala Luna, Cala Sisine, Cala Goloritzè... you'll understand why I am suggesting you to dedicate one day of your holiday to this journey...
16
lokalinvånare rekommenderar
Gulf of Orosei
16
lokalinvånare rekommenderar
The boat tour in the Gulf of Orosei is one of the main experiences you should absolutely do. Look up on the Internet Cala Mariolu beach, Cala Luna, Cala Sisine, Cala Goloritzè... you'll understand why I am suggesting you to dedicate one day of your holiday to this journey...
Arts & Culture
Qui troverete una lista dei principali musei del territorio. Se volete prendere una pausa dal mare od ovviare a una giornata di pioggia.. Here you can find a list of the main museum of the area. It is a selection of the most interesting places which could be an alternative to the beach or a good idea for a rainy day..
This museum is the biggest and the most important of the island: it conservs typical dresses, jewels of the ancient Sardinia and rebuilds the history of the island through the recreation of the old locations. The most interesting part is about sardinian Carnival.. look up at "mamuthones" on Google.. you'll enjoy the museum so much!
6
lokalinvånare rekommenderar
Museo del Costume Nuoro
56 Via Antonio Mereu
6
lokalinvånare rekommenderar
This museum is the biggest and the most important of the island: it conservs typical dresses, jewels of the ancient Sardinia and rebuilds the history of the island through the recreation of the old locations. The most interesting part is about sardinian Carnival.. look up at "mamuthones" on Google.. you'll enjoy the museum so much!
Il MAN è un’istituzione pubblica permanente, unica nel suo genere in Sardegna, votata allo studio, la conservazione e la promozione dell’arte moderna e contemporanea. Il museo persegue i propri obiettivi culturali attraverso molteplici attività, svolte sia all’interno della sede museale, sia sul territorio: realizzazione di progetti espositivi dedicati ai linguaggi visivi contemporanei e alla storia dell’arte dal XIX al XXI secolo, valorizzazione del patrimonio custodito (la collezione d’arte sarda dal Novecento a oggi), sviluppo di programmi di formazione, mediazione e didattica per tutti i livelli di pubblico. È l’idea di “museo aperto” che si afferma, un laboratorio permanente di indagine artistica e sperimentazione, uno spazio di produzione e comunicazione dove fare convivere memoria e innovazione, ricerca e divulgazione, pensiero globale e azione locale.
10
lokalinvånare rekommenderar
MAN Museo d'arte della Provincia di Nuoro
27 Via Sebastiano Satta
10
lokalinvånare rekommenderar
Il MAN è un’istituzione pubblica permanente, unica nel suo genere in Sardegna, votata allo studio, la conservazione e la promozione dell’arte moderna e contemporanea. Il museo persegue i propri obiettivi culturali attraverso molteplici attività, svolte sia all’interno della sede museale, sia sul territorio: realizzazione di progetti espositivi dedicati ai linguaggi visivi contemporanei e alla storia dell’arte dal XIX al XXI secolo, valorizzazione del patrimonio custodito (la collezione d’arte sarda dal Novecento a oggi), sviluppo di programmi di formazione, mediazione e didattica per tutti i livelli di pubblico. È l’idea di “museo aperto” che si afferma, un laboratorio permanente di indagine artistica e sperimentazione, uno spazio di produzione e comunicazione dove fare convivere memoria e innovazione, ricerca e divulgazione, pensiero globale e azione locale.
Il Museo nasce con l'intento di costituire un luogo di contatto tra l'universo culturale di un piccolo paese della Sardegna interna, Mamoiada, nota in tutto il mondo per le sue maschere tradizionali - i Mamuthones e gli Issohadores - e le regioni mediterranee che, attraverso le rappresentazioni e le maschere di Carnevale, svelano una comunione di storia e di cultura. A partire dalle maschere dei Mamuthones e degli Issohadores, il museo offre un'esposizione comparata di reperti provenienti dai diversi paesi del Mediterraneo evidenziandone le affinità e le vicinanze piuttosto che le difformità e le distanze.
Museo delle Maschere Mediterranee
15 Piazza Europa
Il Museo nasce con l'intento di costituire un luogo di contatto tra l'universo culturale di un piccolo paese della Sardegna interna, Mamoiada, nota in tutto il mondo per le sue maschere tradizionali - i Mamuthones e gli Issohadores - e le regioni mediterranee che, attraverso le rappresentazioni e le maschere di Carnevale, svelano una comunione di storia e di cultura. A partire dalle maschere dei Mamuthones e degli Issohadores, il museo offre un'esposizione comparata di reperti provenienti dai diversi paesi del Mediterraneo evidenziandone le affinità e le vicinanze piuttosto che le difformità e le distanze.
Il Museo conserva la più importante collezione al mondo delle opere di Costantino Nivola tra sculture e dipinti, più di 200 opere acquisite attraverso successive donazioni. La scelta iniziale, compiuta dalla vedova dell’artista Ruth Guggenheim, ha privilegiato l’opera scultorea di Nivola e particolarmente la fase finale del suo percorso, caratterizzata da un ritorno alla statuaria – con la serie delle Madri e delle Vedove – e ai materiali nobili della scultura tradizionale. A questo nucleo si sono poi aggiunti un gruppo di piccole opere in terracotta risalenti agli anni Sessanta e Settanta (Letti, Spiagge, Piscine), alcuni lavori in lamiera ritagliata e modellata degli anni Cinquanta (Antenati), una selezione della produzione pittorica e diversi modelli per progetti pubblici di varie epoche (rilievi realizzati col sandcasting e modelli tridimensionali per monumenti, in gesso e altri materiali). Il museo possiede inoltre una raccolta di opere grafiche, esposte a rotazione.
Museo Nivola - Parco
Il Museo conserva la più importante collezione al mondo delle opere di Costantino Nivola tra sculture e dipinti, più di 200 opere acquisite attraverso successive donazioni. La scelta iniziale, compiuta dalla vedova dell’artista Ruth Guggenheim, ha privilegiato l’opera scultorea di Nivola e particolarmente la fase finale del suo percorso, caratterizzata da un ritorno alla statuaria – con la serie delle Madri e delle Vedove – e ai materiali nobili della scultura tradizionale. A questo nucleo si sono poi aggiunti un gruppo di piccole opere in terracotta risalenti agli anni Sessanta e Settanta (Letti, Spiagge, Piscine), alcuni lavori in lamiera ritagliata e modellata degli anni Cinquanta (Antenati), una selezione della produzione pittorica e diversi modelli per progetti pubblici di varie epoche (rilievi realizzati col sandcasting e modelli tridimensionali per monumenti, in gesso e altri materiali). Il museo possiede inoltre una raccolta di opere grafiche, esposte a rotazione.
Collocati al confine tra il regno di Gallura e quello d'Arborea, l'abitato di Posada e il suo castello furono al centro di complesse vicende storiche. Sebbene non si abbiano dati certi sul periodo di costruzione della fortificazione, si può ipotizzare che nel XIII secolo fosse già stato eretto il castello e munito di fortificazioni il centro abitato. Posada fu sede dei sovrani di Gallura così come di Eleonora d'Arborea, ma finì nelle mani degli aragonesi intorno al 1380, per poi tornare allo schieramento isolano sotto il comando di Brancaleone Doria. Con la caduta del giudicato d'Arborea, Posada fu infeudata alla famiglia Carròs ed elevata al rango di baronia. La particolare denominazione del castello, ''della fava'', viene da una leggenda secondo cui intorno al 1300 una flotta di Turchi sbarcò sulle coste isolane e pose sotto assedio proprio Posada nell'intento di conquistarla per fame. Nel tentativo di ingannare gli assedianti gli abitanti di Posada fecero mangiare l'ultima manciata di fave rimaste a un piccione, ferendolo leggermente; questo durante il volo cadde nell'accampamento dei Turchi, rivelando lo stomaco pieno di fave ed inducendo gli assedianti a sovrastimare le risorse alimentari degli isolani. Fu così che i Turchi, convinti di non avere nessuna speranza, tolsero l'assedio e lasciarono le coste dell'isola. Il castello di Posada, realizzato con conci poco lavorati di pietrame misto, si articola in una cinta muraria di forma quadrangolare non regolare all'interno della quale si trovano una torre a pianta quadrata, con coronamento merlato, e una serie di cisterne.
12
lokalinvånare rekommenderar
Castello della Fava
. Piazza Castello
12
lokalinvånare rekommenderar
Collocati al confine tra il regno di Gallura e quello d'Arborea, l'abitato di Posada e il suo castello furono al centro di complesse vicende storiche. Sebbene non si abbiano dati certi sul periodo di costruzione della fortificazione, si può ipotizzare che nel XIII secolo fosse già stato eretto il castello e munito di fortificazioni il centro abitato. Posada fu sede dei sovrani di Gallura così come di Eleonora d'Arborea, ma finì nelle mani degli aragonesi intorno al 1380, per poi tornare allo schieramento isolano sotto il comando di Brancaleone Doria. Con la caduta del giudicato d'Arborea, Posada fu infeudata alla famiglia Carròs ed elevata al rango di baronia. La particolare denominazione del castello, ''della fava'', viene da una leggenda secondo cui intorno al 1300 una flotta di Turchi sbarcò sulle coste isolane e pose sotto assedio proprio Posada nell'intento di conquistarla per fame. Nel tentativo di ingannare gli assedianti gli abitanti di Posada fecero mangiare l'ultima manciata di fave rimaste a un piccione, ferendolo leggermente; questo durante il volo cadde nell'accampamento dei Turchi, rivelando lo stomaco pieno di fave ed inducendo gli assedianti a sovrastimare le risorse alimentari degli isolani. Fu così che i Turchi, convinti di non avere nessuna speranza, tolsero l'assedio e lasciarono le coste dell'isola. Il castello di Posada, realizzato con conci poco lavorati di pietrame misto, si articola in una cinta muraria di forma quadrangolare non regolare all'interno della quale si trovano una torre a pianta quadrata, con coronamento merlato, e una serie di cisterne.
l museo è articolato in due sezioni, archeologica e paleontologica, e si limita, anche per ragioni di spazio, all’esposizione dei materiali più significativi dei vari periodi (Neolitico, Eneolitico, epoca nuragica, età ellenistica, romana, Medioevo). È, inoltre, presente una collezione di duecento monete di provenienze ed epoche diverse (IV sec. a.C. - V sec. d.C.). Nella sezione archeologica è privilegiata la tematica degli edifici di culto di età nuragica dedicati alla divinità delle acque e sono messi in rilievo gli aspetti meno conosciuti dell’architettura, del costume e del gusto estetico dei protosardi delle zone interne.
Museo Archeologico Nazionale
8 Piazza Giorgo Asproni
l museo è articolato in due sezioni, archeologica e paleontologica, e si limita, anche per ragioni di spazio, all’esposizione dei materiali più significativi dei vari periodi (Neolitico, Eneolitico, epoca nuragica, età ellenistica, romana, Medioevo). È, inoltre, presente una collezione di duecento monete di provenienze ed epoche diverse (IV sec. a.C. - V sec. d.C.). Nella sezione archeologica è privilegiata la tematica degli edifici di culto di età nuragica dedicati alla divinità delle acque e sono messi in rilievo gli aspetti meno conosciuti dell’architettura, del costume e del gusto estetico dei protosardi delle zone interne.
Il Museo Deleddiano ha sede nella casa natale della scrittrice nuorese Grazia Deledda (1871-1936). Grazie alla generosità della famiglia Madesani-Deledda, e in particolare della signora Fernanda, nuora della scrittrice, l'ISRE entra in possesso di un gran numero di manoscritti, fotografie, documenti vari e di oggetti personali che formano la prima dotazione repertale del Museo aperto il 5 marzo 1983. L'attuale assetto espositivo, dopo il primo allestimento basato sostanzialmente sui documenti donati dalla famiglia Madesani, mira a mettere in evidenza, attraverso l'ausilio dei materiali acquistati nel corso degli anni dall'Istituto, il legame tormentato della scrittrice con Nuoro e nel contempo le vicende personali e letterarie seguite al suo trasferimento a Roma.
9
lokalinvånare rekommenderar
Grazia Deledda's Museum
42 Via Grazia Deledda
9
lokalinvånare rekommenderar
Il Museo Deleddiano ha sede nella casa natale della scrittrice nuorese Grazia Deledda (1871-1936). Grazie alla generosità della famiglia Madesani-Deledda, e in particolare della signora Fernanda, nuora della scrittrice, l'ISRE entra in possesso di un gran numero di manoscritti, fotografie, documenti vari e di oggetti personali che formano la prima dotazione repertale del Museo aperto il 5 marzo 1983. L'attuale assetto espositivo, dopo il primo allestimento basato sostanzialmente sui documenti donati dalla famiglia Madesani, mira a mettere in evidenza, attraverso l'ausilio dei materiali acquistati nel corso degli anni dall'Istituto, il legame tormentato della scrittrice con Nuoro e nel contempo le vicende personali e letterarie seguite al suo trasferimento a Roma.
Essentials
Una piccola lista dei servizi più importanti di cui potreste aver bisogno: supermercati, bar, farmacie, macellerie...
It is the closest place where you can arrive by foot, here there is a little store where you can buy newspapers, cigarettes, sandwiches, milk..there is also the bar for a quick coffee.
Hotel Residence Le Quattro Lune
It is the closest place where you can arrive by foot, here there is a little store where you can buy newspapers, cigarettes, sandwiches, milk..there is also the bar for a quick coffee.
Ottima carne e ottima griglieria. Very good butchery and restaurant for barbecue.
Macelleria Griglieria Francesco Chisu
20 Strada Statale 125 Orientale Sarda
Ottima carne e ottima griglieria. Very good butchery and restaurant for barbecue.
Il pesce più buono di Orosei si compra qui. Here you can buy the best seafood in Orosei.
Pescheria L'Acquario
92 Via Nazionale
Il pesce più buono di Orosei si compra qui. Here you can buy the best seafood in Orosei.
Farmacia
FARMACIA COMUNALE SOSALINOS
Farmacia
Guardia medica turistica. Emergency medical service.
Guardia Medica turistica di Orosei
Guardia medica turistica. Emergency medical service.
Stazione dei carabinieri. Police.
Arma dei Carabinieri Posto Fisso Temporaneo Sennori - Orosei Sos Alinos
Stazione dei carabinieri. Police.